Mutuo inpdap cointestato

In base all’articolo 4 del regolamento sui mutui inpdap è prevista la possibilità di cointestare il mutuo ad entrambi i coniugi. Ci sono diverse casistiche.

In nessun caso il mutuo può essere concesso su un’abitazione intestata solo al coniuge non iscritto al fondo credito.

Entrambi i coniugi iscritti alla Gestione unitaria

In presenza di entrambi i coniugi iscritti alla gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali dell’Inps ex Inpdap, il regolamento specifica che esiste la possibilità di cointestare il mutuo inpdap.

Si specifica inoltre che anche in questo caso i limiti massimi degli importi erogabili non variano, ma vengono ripartiti in parti uguali tra moglie e marito.

L’importo massimo pertanto resta quello specificato nella tabella sottostante:

Il mutuo è concesso per:Importo massimo erogabile:
a) acquisto, assegnazione da società cooperative in proprietà divisa, costruzione in proprio, completamento e/o ampliamento su terreno di proprietà, di un alloggio non considerato abitazione di lusso ai sensi del DM 2 agosto 1969, n. 1072 e destinato a residenza dell’iscritto e del suo nucleo familiare, come definito all’art. 6;€ 300.000,00
b) esecuzione di lavori di manutenzione ordinaria e/o straordinaria, adattamento, ampliamento, trasformazione o ristrutturazione dell’unico alloggio di proprietà dell’iscritto, ovvero dell’iscritto e del coniuge non iscritto in comproprietà, avente le stesse caratteristiche e destinazioni di cui alla lett. a) del presente comma;pari al 40% del valore dell’immobile attribuito dalla perizia estimativa di cui all’art. 11 e, comunque, non superiore a € 150.000,00
c) acquisto ovvero costruzione in proprio di un box auto/posto auto, da utilizzare come pertinenza dell’alloggio di proprietà dell’iscritto, ovvero dell’iscritto e del coniuge non iscritto in comproprietà, alloggio avente le stesse caratteristiche e destinazioni di cui alla lett. a), distante non più di cinquecento metri dall’alloggio stesso.pari a € 75.000,00

Un solo coniuge iscritto alla gestione unitaria

Nel caso solo un coniuge sia iscritto al fondo credito richieda un mutuo inpdap per l’acquisto della prima casa o per la costruzione della stessa, il coniuge non iscritto entra nel contratto di mutuo come parte terza datrice di ipoteca.

Nel caso si richieda un mutuo inpdap per la ristrutturazione o manutenzione di un immobile intestato ad entrambi i coniugi, il coniuge non iscritto interviene nel contratto come parte terzo datore di ipoteca.

Lascia un commento